L’imminenza della Cosa

«Nell’epistolario Van Gogh si descrive spesso come sospeso in questa zona di oscillazione tra creazione e distruzione. Il suo lavoro gli appare come attraversato da una “follia” e una “frenesia” costanti. Ogni volta l’imminenza della Cosa comporta il rischio del naufragio, del sentirsi aspirati, risucchiati, travolti dal suo vortice. Ma non c’è autentica pittura che non sappia sfidare questo pericolo» (M. RECALCATI, Melanconia e creazione in Vincent Van Gogh, Bollati Boringhieri, Torino 2014, p. 77)

la rotta di ulisse

La rotta di Ulisse ® Daniele Baron (mista su legno)

“Noi ci allegrammo, e tosto tornò in pianto;
ché de la nova terra un turbo nacque
e percosse del legno il primo canto.
Tre volte il fé girar con tutte l’acque;
a la quarta levar la poppa in suso
e la prora ire in giù, com’altrui piacque,
infin che ‘l mar fu sovra noi richiuso”

DANTE, Divina Commedia, Inferno, Canto XXVI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...